Ogni volta che una donna lotta per sé stessa,
lotta per tutte le donne.
- Maya Angelou
Nessun Paese può davvero svilupparsi
se soffoca il potenziale delle sue
donne e si priva del contributo di metà dei suoi cittadini.
- Michelle Obama

Le donne rappresentano almeno la metà dei talenti e valorizzarle significa sfruttare un più ampio numero di competenze.

Le competenze chiave del 21 secolo sono associate a tratti come empatia, collaborazione ed intelligenza emotiva.
Se le organizzazioni valorizzassero a pieno le specificità delle loro persone, promuovendo e accettando stili di leadership diversi, otterrebbero più ingaggio, motivazione e produttività

Le donne rappresentano almeno la metà dei consumatori e comprenderne le esigenze e caratteristiche è chiave per il successo delle organizzazioni del futuro.

L’80% delle decisioni di acquisto sono prese da donne.
Se le organizzazioni riuscissero a comprendere i bisogni e desideri di tutto il loro target potenziale venderebbero di più e otterrebbero un aumento della fidelizzazione e della soddisfazione dei propri clienti.

Sono convinta che non ci siano ragioni valide per non farlo, ed è il motivo per cui ho creato DONNALAB.

Se sulla carta abbiamo le stesse possibilità degli uomini, quando si tratta di avanzare nella carriera, avvicinandoci ai vertici, il numero di donne diminuisce sempre più.

E’ inevitabile che questo accada? O nelle nostre organizzazioni c’è ancora qualche vecchia convinzione o pregiudizio da scardinare?

Io vedo un’inefficienza, uno spreco di risorse, una miopia nel mondo del lavoro!

Volevo creare un laboratorio dove avanzare proposte concrete e sostenibili per creare culture organizzative inclusive e realmente meritocratiche, dove le specificità di ciascuno sono comprese e valorizzate. Mettendo al centro il tema dell’empowerment femminile, ma non solo.

Mi Definisco Un’attivista E Un’idealista.​

Spesso mi dicono che è “un problema culturale”. Ma la cultura siamo noi, rispondo. Perché non cambiare tutti insieme?

Ogni azienda, ogni manager può dare un’accelerazione ad un processo di cambiamento che veda donne e uomini al centro di nuovi paradigmi che consentano a ciascuno di valorizzare le proprie specificità e il proprio talento.

Uscire dai cliché e dagli stereotipi che imbrigliano sia le donne che gli uomini, per creare leader davvero diversi, con caratteristiche e skill proprie e autentiche.

Mi chiamo
Gini Dupasquier

Sono una mamma, un’ottimista e una runner. Vivo a Milano con la mia famiglia: 1 marito, 2 figlie e 2 gatti.  Mi sono laureata in Economia alla Bocconi e ho lavorato per 15 anni come consulente aziendale, in Italia e all’estero, prima di inseguire il mio sogno e fondare DONNALAB.

Sono anche Managing Director di Ortygia Business School, una piattaforma che promuove uno sviluppo inclusivo e sostenibile del Sud Italia e co-presidente di PWN Milan, un’associazione internazionale che si occupa di networking ed empowerment per donne professioniste.

Una delle mie passioni è la corsa. Correre una maratona rappresenta bene il mio approccio alla vita: porsi un obiettivo sfidante e con tenacia, fatica e determinazione perseguirlo. La corsa è empowerment, perché ci sei solo tu, le tue gambe e il tuo respiro, e quando ce la fai capisci che raggiungere un risultato dipende solo da te, basta volerlo.

La proposta DONNALAB è semplice e concreta

Mettere in campo strategie organizzative per attrarre, trattenere e valorizzare il capitale umano delle organizzazioni.

Valorizzando le differenze di genere e le specificità di tutti i componenti della propria organizzazione si hanno ricadute in termini di profitti, motivazione e ingaggio delle persone.

Si raggiunge una gestione più efficace ed efficiente dei team “misti”.

Si riesce a rispondere in modo più soddisfacente a una quota importante dei propri clienti.

Solo Con Una Leadership Di Uomini E Donne Capaci Di Collaborare Alla Pari Potremo Costruire Un Modello Di Capitalismo Più Sano, Più Sicuro, Più Sostenibile.​

Ciascuno di noi può fare la differenza per dare valore alle differenze!!

I MIEI VALORI

Tenacia

Idealismo

Crescita

Giustizia

Auto Determinazione

Per le organizzazioni che vogliono valorizzare le proprie persone

L’approccio che propongo alle organizzazioni è quello di considerare il raggiungimento dell’equilibrio di genere come un obiettivo di business, applicando le logiche del change management e lavorando sulla cultura e sui processi aziendali.

Insieme alla funzione Risorse Umane realizzo l’assessment delle policies e procedure interne e la definizione di KPI concreti e misurabili per monitorare il progresso verso il gender balance.

Insieme al management aziendale definisco su quali valori costruire uno stile di leadership nuovo, inclusivo e collaborativo.

Insieme alle donne e agli uomini dell’organizzazione organizzo programmi di sviluppo professionale per cogliere le proprie somiglianze, apprezzare le proprie differenze e lavorare meglio insieme.

Dicono di me

Leggi i miei ultimi articoli

Leadership al femminile

L’importanza del networking

Spesso si sottovaluta l’importanza delle relazioni per la propria carriera. Tutte noi siamo prese da impegni lavorativi e familiari e riteniamo di “non avere tempo”

Leggi di più